7 0
Read Time:6 Minute, 50 Second

E’ questo il mondo che vuoi? 

Ti consiglio di leggere attentamente e tra le righe questo spezzone di articolo datato novembre 2016. Te l’hanno sempre spiegato a cosa miravano, te l’hanno scritto e detto in molti modi, in tutte le sfacettature possibili. E non ti sei accorto di nulla? Ora, di fronte ai “FATTI EVIDENTI” di questi ultimi anni, specialmente gli ultimi 2 che ti hanno visto rinchiuso in casa, imbavagliato, privato dei tuoi diritti, ora che piano piano stà emergendo la verità, chiediti: “Sapevo? Ero a conoscenza di cosa stava accadendo? Mi sono fidato di giornali e TV, che hanno professato sempre la solita minestra riscaldata, come un martello pneumatico, ore ore e ore sempre la solita propaganda. Forse che con questo agire mi volevano far credere ad un’unica verità, la loro verità? Dormivo e non me ne son accorto”. 
Chiediti se è questo il mondo che vuoi oppure se sogni un mondo dove la tua Libertà, il Valore dell’Essere Umano è messo al centro, come propone il Partito Valore Umano con il Programma Mondo Migliore ( file:///C:/Users/user/Downloads/PROGRAMMA-PVU-ESTESO%20(9).pdf. )
Maurizio Sarlo, Ideatore del Programma Mondo Migliore, con una semplice lavagna e un pennarello nero, ai tanti Eventi in giro per l’Italia, con presenti migliaia di persone, ce lo spiega da quasi 7 anni su cosa sarebbe successo, quale sarebbe stato il loro obbiettivo e come si può contrastare, con il Programma Mondo Migliore, partendo come Esempio Pilota proprio dall’Italia. La Nazione che era la 4a potenza mondiale, invidiata da tutti, ricca di Eccellenze in tutti i settori.
Noi Popolo dei CLEMM, Circoli Locali Etici Mondo Migliore, che seguiamo e sosteniamo il Progetto COEMM e il Programma Mondo Migliore, eravamo pronti a tutto ciò. E questo “risveglio” , questa consapevolezza, la dobbiamo solo ad un Uomo. Maurizio Sarlo, che con tanta pazienza ha sapientemente spiegato a tutti noi, e con i pochi mezzi che abbiamo a disposizione per seguire il Progetto COEMM, quali un semplice “Passaparola”.
Ci sono molte cose che stanno accadendo a tua insaputa nel mondo. 
Quello che troverai qui all’interno di questo articolo, è inerente l’Agenda 2030 e il World Economic Forum.
quello che potrebbe , anzi, stà accadendo nella tua vita a tua insaputa, e senza che sia tu stesso a deciderla.
Svegliati… sei ancora in tempo per coprendere e scegliere in quale realtà vuoi vivere.
Buona lettura e consapevolezza. 
                               
                         

Benvenuti nel 2030: non possiedo niente, non ho privacy e la vita non è mai stata migliore

Benvenuti nell’anno 2030. Benvenuti nella mia città – o dovrei dire “la nostra città”. Non possiedo niente. Non possiedo una macchina. Non possiedo una casa. Non possiedo elettrodomestici o vestiti.

Potrebbe sembrare strano per te, ma ha perfettamente senso per noi in questa città. Tutto ciò che consideravi un prodotto, ora è diventato un servizio. Abbiamo accesso a trasporti, alloggio, cibo e tutte le cose di cui abbiamo bisogno nella nostra vita quotidiana. Una dopo l’altra tutte queste cose sono diventate gratuite, quindi è finito per non avere senso per noi possedere molto.

La prima comunicazione è diventata digitalizzata e gratuita per tutti. Poi, quando l’energia pulita è diventata gratuita, le cose hanno iniziato a muoversi rapidamente. Il prezzo dei trasporti è diminuito drasticamente. Non aveva più senso per noi possedere auto, perché potevamo chiamare un veicolo senza conducente o un’auto volante per viaggi più lunghi in pochi minuti. Abbiamo iniziato a trasportarci in modo molto più organizzato e coordinato quando il trasporto pubblico è diventato più facile, veloce e conveniente dell’auto. Ora non riesco a credere che abbiamo accettato la congestione e gli ingorghi, per non parlare dell’inquinamento atmosferico causato dai motori a combustione. Cosa stavamo pensando?

A volte uso la bici quando vado a trovare alcuni dei miei amici. Mi piace l’esercizio e la corsa. In qualche modo convince l’anima ad accompagnare il viaggio. Buffo come alcune cose sembrino non perdere mai la loro eccitazione: camminare, andare in bicicletta, cucinare, disegnare e coltivare piante. Ha perfettamente senso e ci ricorda come la nostra cultura è emersa da uno stretto rapporto con la natura.

Nella nostra città non paghiamo l’affitto, perché qualcun altro sta usando il nostro spazio libero ogni volta che non ne abbiamo bisogno. Il mio soggiorno viene utilizzato per riunioni di lavoro quando non ci sono.

Di tanto in tanto, sceglierò di cucinare da solo. È facile: l’attrezzatura da cucina necessaria viene consegnata a casa mia in pochi minuti. Da quando il trasporto è diventato gratuito, abbiamo smesso di avere tutte quelle cose infilate in casa nostra. Perché tenere una macchina per la pasta e un cuocicrepes stipati nei nostri armadi? Possiamo ordinarli quando ne abbiamo bisogno.

Ciò ha anche facilitato la svolta dell’economia circolare. Quando i prodotti vengono trasformati in servizi, nessuno ha interesse per le cose con una breve durata. Tutto è progettato per durabilità, riparabilità e riciclabilità. I materiali scorrono più rapidamente nella nostra economia e possono essere trasformati in nuovi prodotti abbastanza facilmente. I problemi ambientali sembrano lontani, poiché utilizziamo solo energia pulita e metodi di produzione puliti. L’aria è pulita, l’acqua è pulita e nessuno oserebbe toccare le aree protette della natura perché costituiscono un tale valore per il nostro benessere. Nelle città abbiamo molto spazio verde e piante e alberi dappertutto. Ancora non capisco perché in passato abbiamo riempito di cemento tutti i posti liberi della città.

Shopping? Non riesco proprio a ricordare cosa sia. Per la maggior parte di noi, si è trasformato nella scelta delle cose da usare. A volte lo trovo divertente, ea volte voglio solo che l’algoritmo lo faccia per me. Conosce i miei gusti meglio di me ormai.

Quando l’intelligenza artificiale e i robot si sono impadroniti di così tanto del nostro lavoro, all’improvviso abbiamo avuto il tempo di mangiare bene, dormire bene e trascorrere del tempo con altre persone. Il concetto di ora di punta non ha più senso, poiché il lavoro che svolgiamo può essere svolto in qualsiasi momento. Non so davvero se lo chiamerei più lavoro. È più simile al tempo del pensiero, del tempo della creazione e del tempo dello sviluppo.

Per un po’ tutto si è trasformato in intrattenimento e le persone non hanno voluto preoccuparsi di problemi difficili. È stato solo all’ultimo minuto che abbiamo scoperto come utilizzare tutte queste nuove tecnologie per scopi migliori rispetto al semplice ammazzare il tempo.

La mia più grande preoccupazione sono tutte le persone che non vivono nella nostra città. Quelli che abbiamo perso per strada. Quelli che hanno deciso che è diventata troppo, tutta questa tecnologia. Quelli che si sentivano obsoleti e inutili quando i robot e l’intelligenza artificiale si impadronivano di gran parte del nostro lavoro. Coloro che si sono arrabbiati con il sistema politico e si sono rivolti contro di esso. Vivono diversi tipi di vita fuori città. Alcuni hanno formato piccole comunità autosufficienti. Altri sono rimasti solo nelle case vuote e abbandonate dei piccoli villaggi del 19° secolo.

Ogni tanto mi infastidisce il fatto di non avere una vera privacy. Da nessuna parte posso andare e non essere registrato. So che, da qualche parte, tutto ciò che faccio, penso e sogno è registrato. Spero solo che nessuno lo usi contro di me.

 

Tutto sommato, è una bella vita. Molto meglio del percorso che stavamo facendo, dove è diventato così chiaro che non potevamo continuare con lo stesso modello di crescita. Succedevano tutte queste cose terribili: malattie dello stile di vita, cambiamenti climatici, crisi dei rifugiati, degrado ambientale, città completamente congestionate, inquinamento idrico, inquinamento atmosferico, disordini sociali e disoccupazione. Abbiamo perso troppe persone prima di renderci conto che potevamo fare le cose in modo diverso.

Articolo tratto da Forbes 10 novembre 2016

https://www.forbes.com/sites/worldeconomicforum/2016/11/10/shopping-i-cant-really-remember-what-that-is-or-how-differently-well-live-in-2030/?sh=16c6d57f1735   

“Benvenuti nel 2030: non possiedo niente, non ho privacy e la vita non è mai stata migliore”

Io seguo il Programma Mondo Migliore. Non lascio decidere ad altri come voglio vivere. E tu?

Paola Marcato sostenitrice del Progetto COEMM e del Programma Mondo Migliore

Fiera di esserci.

Sito Web COEMM INT’L – https://www.coemm.org/

Sito Web Partito Valore Umano – https://partitovaloreumano.it/

Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Sleepy
0 %
Angry
0 %
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
100%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

3 thoughts on “E’ questo il mondo che vuoi? “Benvenuti nel 2030: non possiedo niente, non ho privacy e la vita non è mai stata migliore” QUESTO E’ LO SLOGAN PRINCIPALE DELL’AGENDA 2030 E DEL WORLD ECONOMIC FORUM

  1. Hai scritto un articolo, APPARENTEMENTE, fantastico, ma dove è finita la personalità di ciascuno di noi?
    Io sono nato persona, quindi come tale sono libero, tale voglio restare!
    Non voglio che tutto il mondo sappia quando vado in bagno, quando mi mangio un gelato, quando mi guardo un film e così via!!!
    Che dire poi della libertà di movimento?
    Sono, E VOGLIO RESTARE, una persona!!!
    La vita che ho in gestione, me la voglio gestire io, non la deve gestire il primo pazzoide che passa per strada!
    Benvenuto nel 2030????
    Noooooo grazieeeeee!!!! Ne faccio volentieri a meno!

  2. Io mi chiedo: Ma chi è quella/e mente/i bacata/e , dalla/e quale/i tutto ha avuto origine?
    Ha/hanno la presunzione di sostituirsi a Dio???
    Pazzesco! Non accetto, MINIMAMENTE, una follia simile!
    A mio avviso, a questo/i mentecatto/ti, bisognerebbe procurare un ricovero in un manicomio criminale, poi, IMMEDIATAMENTE DOPO IL RICOVERO, gettare le chiavi!
    Sono nato libero e libero voglio stare!!!

  3. Articolo interessante e SE IL POPOLO ITALIANO, non si sveglia, credo anche profetico!
    No! Non è questo il mondo che voglio, SOPRATTUTTO PER LE GENERAZIONI FUTURE!
    Non mi interessa vivere in un mondo di mentecatti, satanisti e di grandi megalomani!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.