Riforma del lavoro da 8 a 4 ore

Riforma del lavoro da 8 a 4 ore con pari stipendio. Lavorare 8 ore al giorno è schiavitù versione moderna, e come tale non è umanamente accettabile. Per fortuna esiste una proposta di riforma del lavoro che rimodulerà l’orario a 4 ore per ogni turno, a parità di stipendio.

Studi moderni sostengono questa riforma del lavoro

in quanto confermano che l’essere umano oggi non dovrebbe lavorare più di 4 ore al giorno. Le motivazioni delle 4 ore consigliate sostanzialmente si dividono in due gruppi:

1. Lavorare molto e per lo più per la semplice sopravvivenza (come fa la maggior parte della gente) ostacola il nostro benessere fisico e psichico, quindi anche la nostra crescita personale.
2. Oggi a causa delle tecnologie moderne non è più necessario lavorare 8 ore al giorno. I robot con il controllo dell’uomo sono in grado di produrre tutto ciò di cui gli abitanti della Terra hanno bisogno.

1. Crescita personale

Oggi si parla molto di crescita personale. Essa è un continuo sviluppo e maturazione di se stessi. E’ il nostro percorso di vita in cui si cercano di migliorare i vari aspetti della personalità e sviluppare al meglio i propri valori umani. Lavorare 8 ore al giorno non lascia tempo ed energia sufficiente per affrontare appieno questo percorso.
Gioire, essere creativi, scoprire ogni forma di bellezza che offre la vita, è nella natura umana. Abbiamo bisogno di amare ed essere amati, imparare tutto quel che si può per elevarci di spirito. Esercitare l’amore e l’altruismo, scoprire i nostri gusti, capire cosa ci rende contenti e pienamente soddisfatti, è essenziale. E lo è anche trovare e sviluppare i nostri talenti che mettendoli a disposizione della società si trasformano in un lavoro da svolgere con entusiasmo. Lavorare sì, è una delle nostre essenze, ma non certo 8 ore o più al giorno.

2. Tecnologie moderne di oggi

Durante secoli le persone per sopravvivere hanno dovuto lavorare duramente e per tutta la vita. Oggi non dovrebbe essere più così. Grazie alle modernissime tecnologie e alla natura, non ci dovrebbe essere nessun tipo di carenza sulla Terra. Eppure sono milioni le persone che muoiono di fame ogni giorno… e sono migliaia anche coloro che si suicidano perché non riescono a pagare le bollette…E’ ora di capire che le carenze sono state indotte nelle società artificialmente. Così come anche i molti bisogni non essenziali.

Perché allora continuiamo a lavorare 8 ore al giorno?

E’ in corso una triste realtà, una sorta di schiavitù moderna. L’1% della popolazione, (i più ricchi della Terra) decide per il resto del 99%. Non ci siamo nemmeno accorti che con la globalizzazione ci hanno tolto quasi tutta la nostra libertà. Siamo schiavi del sistema creato da loro di cui ormai siamo abituati. Esattamente come negli ultimi decenni ci siamo abituati a stringere la cintura sempre di più, abbassare la testa e a lavorare 8 ore e più al giorno solo per la semplice sopravvivenza.

I mezzi di comunicazioni come i mass media sono nelle mani dei nostri politici burattini. Ci vengono trasmesse solo informazioni utili per tenerci sotto controllo, ovvero nella paura. Inducono sempre più povertà, così noi lavoriamo sempre di più. Ormai nemmeno ci ribelliamo!?

La riforma del lavoro da 8 a 4 ore è indispensabile

Il troppo lavoro ma anche la mancanza del lavoro creano forti preoccupazioni e stress. I pensieri negativi ci buttano ancora più giù ed ecco che trovare la vie d’uscita diventa davvero molto difficile. Si tratta di una vera e propria schiavitù moderna.

Concentrandoci sulla nostra crescita personale, diventiamo sempre più consapevoli delle nostre potenzialità. Con il passaparola e la condivisione faremo diventare le persone ben informate e altrettanto consapevoli. Uno Stato formato da persone evolute, non può che eleggere Politici etici e altruisti che creeranno benessere per tutti.
La riforma del lavoro (parallelamente ad altri interventi saggi dello Stato) offre un’ottima soluzione per eliminare la povertà

Buona riflessione a Tutti! E per chi volesse uscire da questa schiavitù indotta, ecco l’ottavo punto del Manifesto del Partito Valore Umano (PVU) che proclama:

“8. Riforma del lavoro, rimodulazione dell’orario a 4 ore per ogni turno (a parità di stipendio), secondo un piano di riforma che incentiva l’Impresa del modello micro/piccolo/medio e dell’età pensionabile. Sviluppo della ricerca, delle tecnologie innovative e implementazione delle nanotecnologie. Rilancio delle piccole e medie imprese escludendo la globalizzazione e potenziando il global-local;”

Saluti da Edit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *