0 0
Read Time:2 Minute, 8 Second
Il Regalo più grande…
Oggi, 18/09/, il regalo più grande al mio compleanno, oltre a quello di mia figlia Cristina, me lo sento fare, idealmente,
dagli Aderenti ai CLEMM che si sentono allineati al Programma Mondo Migliore (PMM) e dagli Scienziati e Studiosi che gli si sono avvicinati, tipo il Prof Giuseppe Altieri, il quale, proprio qualche minuto fa, mi invia per sms un suo scritto sulle sciagure che, sempre più, affliggono la nostra “Madre Terra”.
Più di qualche vero illuminato mi racconta che, fino al prossimo 8/12/2022 (data in cui si chiude il ciclo dei 13.000 anni di “buio maligno” e iniziano i 13.000 di “Luce Divina”), ci tocca osservare, quasi da impotenti, la corruzione che imperversa fra il maggior numero di politicanti e condiziona, in negativo, l’attuarsi di politiche con la P maiuscola, in ogni settore, ad iniziare da quello climatico e ambientale.
Molte nostre Regioni, qualche giorno fa è toccato alle Marche, subiscono alluvioni che fanno franare terreni sempre più intrisi di pesticidi e metalli pesanti caduti dal cielo, irrorato a man bassa con le scie chimiche (che non a caso sono declinate come segreto di Stato, mentre, fino a qualche anno fa, venivano trattate da certi ignoranti come scie aeree di condensa).
“Meglio una macina al collo”, recita una bella parabola, per quanti “calpestano l’innocenza delle Anime più pure”.
Del resto, ringraziando fin d’ora per gli auguri che molti mi farete, invito a pensare positivo e a riflettere sull’idea che abbiamo strutturata e lanciata con i CLEMM – Circoli Verdi: quella del PMM. Ovvero, quella del cambio di paradigma, del Nuovo Umanesimo e del “Paradiso in Terra”.
Oggi, si deve e si può.
Maurizio Sarlo
Presidente COEMM
Di seguito il post del Prof Giuseppe Altieri…
Dopo 8 anni le marche subiscono alluvioni con effetti decuplicati. Nel mio articolo ‘le vere cause delle alluvioni’, pubblicato sul giornale dell’e7 nel ’14 avevo previsto la catastrofe se non si fossero ridotte le cause del dissesto idrogeo. In primis l’humus dei terreni agricoli che han perso la sostanza organica che assorbirebbe moltissima acqua, distrutta da concimi chimici, glifosate, pesticidi, lavorazioni errate, taglio di siepi, allevamenti industriali con liquami e biogas, invece del letame fertile. Mentre i cambiamenti climatici scaricano l’eccesso d’acqua e gas serra che dovevano esser fissati nell’humus dei terreni. Il cui incremento è finanziato da fondi agro-ambientali europei. Ma le regioni da trent’anni li regalano fuori-legge ad agricoltori che usano glifosate, pesticidi, liquami. Irrorazioni aeree dolose con polveri inquinanti il giorno prima delle piogge creano bombe idriche.
G. Altieri
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Sleepy
0 %
Angry
0 %
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.