Democrazia italiana

Democrazia, è un altro misterioso ed interpretabile concetto? Perché c’è bisogno di salvarla? E’ forse in pericolo a causa del covid-19 detto coronavirus? Quali sono i mezzi di comunicazione in Italia, ovvero come vengono veicolate le informazioni che esaltano la verità? Come reagiscono gli italiani in questo momento storico?

In quest’articolo ho radunato alcune informazioni molto importanti insieme alle loro fonti che nessuno oggi dovrebbe ignorare. In un paese democratico tutti possono avere voce, esprimere le proprie opinioni e poter proporre le proprie idee. La forma di governo che ostacola il confronto dei diversi modi di vedere, esperimentare delle cose, e ostacola la libertà personale dei suoi cittadini, si chiama dittatura. Bisogna ascoltare tutte le campane per trovare le verità, non possiamo fermarci ed assorbire solo ciò che ci inculcano i mass media “ufficiali”. Pertanto invito tutti ad attingere ai link proposti all’interno di questo articolo. La libertà di esprimersi e poter dire la propria verità oggi è in pericolo. Seguiamo e diffondiamo insieme i canali della libera comunicazione dei giornalisti indipendenti da lobby! Facciamo questo per il bene del paese che attraverso la sua gloriosa storia, la sua impareggiabile bellezza e cultura ci ha reso fieri di essere italiani!

La democrazia italiana ha bisogno di essere salvata

La Costituzione Italiana e la libertà oggi hanno bisogno di essere protette. Il popolo forse si è dimenticato di esercitare la sua sovranità? O manipolandolo è stato gradualmente allontanato dall’idea di sovranità della COSTITUZIONE ITALIANA?

La parola “gradualmente” del paragrafo di sopra è da sottolineare, perché è di fondamentale importanza. La situazione attuale non si è creata affatto a causa del recente coronavirus. Il Covid-19 è solo l’ultima goccia nel vaso, che ha accelerato gli avvenimenti e ha evidenziato la pesante presa di posizione dei poteri forti del mondo e del governo italiano nei confronti del suo popolo.

DEMOCRAZIA: E’ una forma di governo. La parola è stata utilizzata per la prima volta nell’antica Grecia. Il significato odierno lo esprime l’articolo 1 della Costituzione che afferma, l’Italia è una Repubblica DEMOCRATICA….La sovranità appartiene al popolo…. Una delle sue caratteristiche fondamentali è la libertà individuale che invece viene descritta nell’articolo 13.

Crisi o fallimento del sistema?

Un gran numero di articoli sulla politica internazionale segue il ping-pong dei poteri mondiali, i quali si studiano attentamente e, studiano anche come i popoli incassano i punti fatti tra di loro. Non si parla di altro che di deficit economici, debiti pubblici e di economia bloccata. Nessuno sa se la situazione migliorerà e quando, si sa però che la povertà sta dilagando ovunque. Ma di cosa si tratta veramente?

Giornalisti molto preparati, ed alcuni per ora piccoli partiti politici dichiarano a gran voce che la crisi di quest’era moderna è dovuta al fallimento degli attuali sistemi economici, sociali e politici. Lo dichiarano, certo non senza alcun fondamento. A sostenerli ci sono numerosi economisti, sociologi e scienziati da decenni, confermati nel loro ruolo e valore.

Per loro è chiaro che, il potere politico nel nome della crisi, al posto di trovare soluzioni vere che sollevino i cittadini dalla morsa sempre più stringente della fame e dei vari disagi sociali mondiali, ha messo in atto “soluzioni” che mirano a strizzare il popolo sempre di più. Eppure non c’è bisogno di farlo perché le soluzioni vere esistono! Il Progetto del cambio paradigma esiste già da alcuni anni! Servirebbe solo la buona volontà dei politici di mettersi attorno un tavolo e capirne tutti insieme l’importanza e l’urgenza.

Il cambio paradigma:

E’ la via che porta dal vecchio sistema ormai fallita a quello nuovo. Significa costruire un mondo il cui centro è il Valore Umano. Oggi si deve e si può far stare bene i cittadini! Questa è la vera soluzione, ed è già stata ampiamente descritta fino ai minimi dettagli da un’associazione no profit e da alcuni partiti politici. L’obiettivo di questi progetti è comune: risollevare l’economia reale italiana, e dare valore alla vita di ogni italiano.

Dall’ignoranza al risveglio

I politici attualmente in potere purtroppo ignorano (volutamente) le suddette iniziative salvavita, e fanno di tutto per mantenere la gente in ignoranza. Oggi infatti, al popolo viene negato ogni mezzo per capire in cosa consiste, a cosa serve e come agire per cambiare l’attuale sistema. Ed ecco che la politica attuale può continuare a sottomettere il popolo senza ostacoli, ed esso nemmeno si accorge. Dato che hanno a disposizione tutti i canali più importanti di comunicazione, gli riesce facile.

Con questo potere quasi illimitato sostenuto quindi dai mass media, utilizzano varie tecniche di comunicazione anche perfide per tenerci buoni, possibilmente ignoranti di quanto sta realmente accadendo. Cambiare paradigma quindi, anche se è di fondamentale importanza è tutt’altro che semplice.

Nei canali di informazioni ufficiali nessuno è libero di analizzare i fatti con onestà. I cosiddetti conflitti d’interessi non permettono a nessuno di accennare la verità. Tutta questa centralizzazione dell’informazione ha spazzato via gran parte di quello che nei decenni trascorsi è rimasto ancora della libertà, giustizia e democrazia.

Eppur si muove…

La vita di tutti noi è appesa a un filo sottilissimo, e il filo è in mano altrui! Essere assoggettati al gioco dei poteri ci rende assolutamente inoffensivi e pieni di paure. La dignità delle persone è in balia di coloro che non se ne prendono cura. Ci si rende conto sempre di più che siamo solo una povera massa governata da entità completamente disinteressate di noi.

Le persone agiscono nei modi più disparati. Chi in modo aggressivo dentro e fuori casa, chi entrando a far parte di associazioni che con i loro servizi cercano di aiutare le persone, e altre ancora si rifugiano nell’unica cosa che conoscono, nella disperazione, e depressione che in questi mesi più di prima sfocia in suicidi.

Inoltre, vediamo nascere e rinvigorire nuovi partiti politici, alcuni dei quali fanno dimostrazioni pacifiche sulle piazze più grandi d’Italia. Altri partiti dimostrano il loro dissenso scrivendo ai vari enti chiedendo giustizia. Il popolo si sta risvegliando.

Libera comunicazione e giornalismo indipendente

Viviamo nell’era della comunicazione dove le informazioni volano come mai prima d’ora. Giorno dopo giorno sui vari social spuntano fuori nuovi personaggi, che spinti dal bisogno di dire cosa stanno vivendo, condividono con il mondo in forma di video le loro delusioni riguardo il modo di agire dei governanti di questo paese, e spesso aprono gli occhi dei loro compatriotti, costringendoli a pensare, riflettere e forse agire. I social poco democraticamente spesso oscurano questi contenuti.

In rete troviamo anche molti “personaggi famosi” che prima di decidere di essere fino in fondo coerenti con le loro idee, potevamo vedere in varie trasmissioni Tv. Ora invece sono ospiti di programmi alternativi online di giornalisti liberi ed indipendenti che da una parte danno voce al popolo e dall’altra lo informano su tutto ciò che i mass media ufficiali non dicono o trascurano.

E’ molto importante il loro lavoro libero ed indipendente da ogni lobby, perché loro non avendo conflitti di interesse economico e/o politico, fanno vedere e capire l’altro lato della medaglia, ciò che la politica di regime e i mass media negano o nascondono con le loro mezze verità.

La gente semplice (come siamo noi, la maggior parte delle persone) non ha forse abbastanza conoscenza per entrare in argomenti di medicina, scienza, o di comunicazione. In questo momento della storia umana succede forse la prima volta che il caos nel mare delle informazioni ci travolge, ci confonde ai limiti inimmaginabili. Ciò rende difficilissimo discernere tra bene e male, tra vero e falso. Ecco perché questi giornalisti liberi danno spazio a “personaggi famosi” e non, a coloro che possono e vogliono contribuire a sgrovigliare il filo della verità dal gomitolo gigante delle bugie e disinformazione.

Giornalisti liberi e coraggiosi e i loro canali online:

Claudio Messora con Byoblu
Fabio Duranti con RadioRadio
Leonardo Leone con Alla ricerca della verità
Massimo Mazzucco con Contro.Tv
Fabio Duranti con Web Radio 11.11
ZTL (Zoom Tavolo della Libertà)

Personaggi di altissima cultura, spesso ospiti dei suddetti programmi liberi:

Stefano Montanari nano patologo e ricercatore
Alessandro Meluzzi psichiatra criminologo

Salvatore Rainò medico chirurgo – immunologo
Pasquale Bacco medico e ricercatore
Nino Galloni economista
Sara Cunial parlamentare dissidente
Red Ronnie giornalista, conduttore televisivo e radiofonico
Nicola Limardo fisico e ricercatore
Antonietta Gatti bioingegnere e ricercatrice
Maurizio Sarlo Segretario Nazionale PVU
Ivano Spano sociologo
Paolo Maddalena costituzionalista
Giuseppe Altieri agro ecologo
Mauro Scardovelli psicologo e giurista

ZTL (Zoom Tavolo della Libertà)

Parlando di un nuovo tipo di veicolare l’informazione, ritengo sia importante descrivere un po’ lo ZTL (Zoom Tavolo delle Libertà) E’ un tavolo rotondo virtuale dove professionisti di rilievo ci introducono nei temi più brucianti della medicina, sociologia, agronomia, economia e politica. Con termini comprensibili a tutti discutono, propongono e informano sul da farsi in questo momento storico, dove l’essere umano rischia, che la sua propria sorte gli scivoli definitivamente dalle mani. I collegamenti ZTL possono essere seguiti dal vivo tramite Zoom, sulla pagina Fb ufficiale del Partito Valore Umano (PVU) o dalle registrazioni caricate sul canale YouTube del PVU.

Gli elenchi di sopra ovviamente non sono completi, servono solo a modo di esempio. Vi invito di inserire nei commenti quei canali o nome delle persone che voi conoscete e ritenete diano un buon servizio alla diffusione della libera informazione. Per conoscere la verità non basta guardare la Tv. Anzi…. Ricercando la verità onoriamo le conquiste dei nostri antenati e di coloro che con grande saggezza hanno scritto la Costituzione Italiana.

Edit Molnar

One thought on “Democrazia italiana, giornalisti si uniscono per salvarla”

  1. Sono d’accordo quasi su tutto ciò che scrivi, carissima Edit!
    Dico quasi su tutto, perchè, a mio modesto parere, gli “attuali politici” non ignorano le iniziative salvavita: non vogliono proprio metterle in pratica, perchè, come scrvi tu e che condivido appieno, sono in dirittura di conflitto di interessi!
    Sempre a mio modesto parere, se ignorassero le vie per uscire, sarebbero quasi scusabili, ma il fatto che le conoscono ma da quell’orecchio non sentono, a mio avviso, li rendono non scusabili!
    Quanti anni sono che il grande Prof. Nino Galloni, emerito economista, va dicendo che per uscire dalla crisi economica e dal debito pubblico, si deve stampare moneta parallela all’euro a credito e non a debito???
    Ma non lo fanno, per non indispettire la Germania e la BCE!!! Quindi Sono Inescusabili e, Ancora A Mio Modesto Parere, Devono Essere Denunciati, se il caso, Anche All’Aia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *