Quando arriva il quid?
Si è fermata l’Italia… Una nazione intera… Ma ci rendiamo conto di cosa significa questo? Riusciamo a capire quali saranno le conseguenze devastanti sul piano economico e sociale di anche solo due mesi di questa situazione…

“Fermate il mondo… Voglio scendere”… Una battuta scherzosa che si sente da molti anni…. Io non voglio scendere… Voglio restare qui, con i piedi ben piantati a terra, per lottare, per far sentire la mia voce, per rivendicare il mio diritto alla libertà…. Voglio essere una cellula attiva del cambiamento, voglio che la mia coscienza si senta in pace, senza rimpiangere domani di non aver fatto quello che sarebbe stato necessario fare…
La mia sensazione è che ciò che sta accadendo sia esattamente ciò che serviva per dare uno schiaffo a tanti “dormienti”… Un bel secchio di acqua gelata, avete presente? Il QUID, che veniva evocato direttamente o indirettamente da tanti, tantissimi… sembra sia stato dimenticato… Ora le persone si stanno concentrando sempre più su come uscire da questo incubo, hanno tempo, leggono, si informano… Il focus si è spostato sul “Qui ed ora” e quella domanda ricorrente, che è diventata, simpaticamente, il tormentone di questo progetto, sembra essersi dissolta nell’aria, quella stessa aria che ci viene impedito  di respirare…
Penso che questo sia il momento giusto, il momento in cui lasciamo andare tutte le zavorre mentali, in cui “permettiamo alle cose di accadere”….. E, senza le interferenze negative di tutti quelli concentrati soltanto sulla domanda “Quando arriva il Quid?”, ciò che deve accadere accadrà, fluira’ libero (lui si, libero) nell’aria e noi potremo respirarlo e goderne appieno, insieme alla nostra libertà ed alla nostra dignità,  che ci saremo ripresi……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *